Mad Sushi: stasera si cena a casa.

Parola d’odine sushi. Ma non di quello a cui siamo abituati, questo è diverso.

Per mangiare questo tipo di sushi, occorre a parer mio, un evento, una festa, un’occasione particolare. Proprio perché non è come tutti gli altri, ha qualcosa di diverso. E’ diverso.

Diverso perché’

L’ho già ripetuto tre volte. Sì è un sushi diverso quello che trovi da Mad Sushi ed ora vi dico il perché. Innanzitutto è solo ed esclusivamente da asporto. Ebbene sì non esiste un locale dove mangiarlo espresso.

La formula di questo locale è rigorosamente “a domicilio”. puoi telefonare ed ordinare, leggerti il menu a casa o sfogliarlo in negozio, guardare cosa ti offre sui volantini, però alla fine lo prendi e lo porti a casa.

Altro motivo per cui si differenzia Mad Sushi da tutti gli altri negozi e ristoranti di sushi è la gestione. Gestione italiana. Infatti la ragazza, la titolare, l’ideatrice è italiana. Con una forte passione per i “rotolini di riso”.

Ho avuto l’occasione di scambiare due parole con Maddalena, per farmi raccontare la sua storia. Perché mi incuriosiva molto il fatto di come può una ragazza avvicinarsi tanto al mondo della cucina giapponese, così tanto da aprire un negozio tutto suo.

-“Mi sono avvicinata quasi per caso e mi sono specializzata per passione”. questo è quello che mi ha detto e d ecco che subito ho capito l’ingrediente che avrei trovato in più rispetto agli altri locali che conosco. La passione.

Immaginavo inoltre forse una storia lunghissima, che durava da una vita, forse perchè era crescita in Giappone, o perché i genitori viaggiavano molto, invece si è avvicinata al sushi solamente 5 anni fà.

Se vai da Mad Sushi oltre a trovare il sapore che è buono e gustoso, trovi la cura al dettaglio. Niente infatti nei suoi piccoli vassoi e disposto a caso, ogni forma e colore e associazione sembra studiato ad opera d’arte.

sushi a cena
sushi a cena

Infine l’ho trovato diverso anche per la cura che è stata messa nella scelta degli oggetti da asporto, La busta con cui esci è di carta molto resistente ed elegante, così come il bicchiere col tappo per il ramen e le scatoline per il sushi.

Se invece avete voglia di una cucina classica e tipica vi consiglio La cantina, se volete rimanere su una cucina non italiana vi consiglio l’indiano

Tiriamo le somme

MENU: ampio, per tutti i gusti. Se lo specifichi puoi adattare un menu vegetariano o addirittura vegano. Trovi dai classici della cucina giapponese a cose leggermente più strane. zuppe e ramen all’ordine del giorno.

LOCATION: a parte che è un po’ nascosta, in una via non molto frequentata e poco trafficata. Appena riesci a trovare il laboratorio veni accolto subito da quello che sono le caratteristiche giapponesi. Ordine, minimalismo, cura al dettaglio in negozio. Per esempio sul bancone c’era un vaso di vetro con scritto a mano fine il nome del locale, poca acqua dentro e dei fiori bianchi veri! Ora non ricordo se erano rose o tulipani.

SERVIZIO: buono. Anche se non c’è un vero e proprio servizio perché non esiste un vero e proprio ristorante, Maddalena che prende gli ordini è una capacità e gentilezza unica. Sa consigliarti, aiutarti suggerirti ed infine ti accompagna dall’inizio a lla fine in quella che è la scelta della cena.

CONTO: salato. I prezzi sono alti non c’è niente da dire. Sarà che siamo abituati che il sushi si mangia con 20/30 euro e ti abbuffi, sarà che non abbiamo da noi molti altri termini di paragone, fatto sta che se decidi di cenare qui e siete in 4 e non vuoi farti mancare nulla il prezzo si aggira sui 90 euro.

Lo consiglio? Sicuramente sì. Vi consiglio un evento che sia un compleanno, una cena particolare per festeggiare qualche evento, oppure per un vero e proprio evento come un’inaugurazione. Situazioni in cui volte colpire gli altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *