Un’aperitivo fatto in un luogo magico, che ti lascia l’amaro in bocca.

Vi parlo di un aperitivo fatto in un bar a Livorno dove ti aspetti l’eccellenza, ma ricevi la mediocrità.

L’ho chiamato bar ma è qualcosa di più di un bar, è un luogo che rappresenta molto per la città di Livorno, sto parlando infatti dello Chalet che da qualche mese ha ripreso la sua attività nelle pineta della rotonda di Ardenza. Lo racconto in un mio articolo che quando ha ri-aperto ha riempito di gioia molti livornesi.

A noi capita molto spesso di passarci, quando è bel tempo e non sai cosa fare la nostra meta più ambita è una bella passeggiata sul mare, alla Rotonda poi i bambini possono correre e giocare senza pericoli (esclusa qualche buca per terra, ma quella fa parte del gioco).

Vicino alle giostre si apre un bel viale tutto nuovo, che ti porta direttamente allo Chalet, per prendere un succo o un caffè e goderti le belle giornate all’aperto.

E così anche questa volta ci siamo capitati un  per caso ed essendo quasi l’ora di cena ci siamo fatti un bell’aperitivo come signori.

L’imbarazzo che si crea subito entrando, a parer mio, è che non so mai se andare al bancone ad ordinare oppure mettermi seduta in attesa che qualche cameriere si accorga di me. Lo spiazzo fuori è talmente grande che a volte mi viene il dubbio di non essere vista, e si sa che l’aperitivo, è più buono se preso senza lunghe pause di attesa.

Entro come per far la fila ma non vengo molto calcolata, allora esco e scegliamo un tavolino fuori, sembra che questa sia la vera e corretta routine da seguire. Il tempo di attesa è breve, il cameriere si avvicina ed ordiniamo in velocità uno spritz, un crodino e un caffè in tazza grande. Alla domanda “gradite patatine e noccioline” rispondiamo con un sì convinto.

Passa qualche minuto torna da noi il solito ragazzo con un vassoio stracolmo di bicchieri e stuzzichini con tanto di tramezzini e pizzette, lo guardiamo con grande soddisfazione ed ammirazione; fino a quando posa al nostro tavolo un solo bicchiere e devia per il tavolo accanto al nostro, dove deposita tutto quel ricco bottino.

Noi ci siamo rimasti malissimo ma sopratutto non è andata giù al Bimbo, che a 2 anni continuava ad indicare il vassoio dei nostri vicini anche dopo che il cameriere ci aveva portato tutto ciò che avevamo ordinato. 

Rimaniamo ogni volta un po’ delusi, sarà che il luogo è molto scenografico che ti aspetti un servizio impeccabile, saranno i prezzi un po’ alti che ti fanno credere in una maggior cura e attenzione nei piatti serviti, sarà tutta la storia che accompagna questo luogo che lo rende di per sé magico a crearti quell’aspettativa che il più delle volte, rimane delusa.

Uno Chalet tanto bello che dovrebbe essere sempre pieno di persone, rimane in effetti sempre molto vuoto. Contornato da mediocrità ed assenza di passione.

Tiriamo le somme

Location: bellissima, nel mezzo della pineta puoi intravedere il mare, la struttura è nuova e molto elegante.

Menu: forse ampio ma poco pubblicizzato, manca la carta appena ti siedi e le paste nelle vetrine al bar sono posizionate talmente precise ed ordinate che danno “l’effetto vuoto”.

Servizio: buono ma non buonissimo. Diciamo sufficiente in un posto che richiederebbe l’eccellenza.

Conto: medio alto. Per uno spritz, un crodino ed un caffè 13,50 euro. Forse a causa della maggiorazione per il servizio al tavolo ma, non è scritto da nessuna parte.

In conclusione

Le mie parole forse un  po’ forti non vogliono essere una critica priva di forza positiva, mi piacerebbe che chi tiene le redini dello Chalet leggendo questo articolo possa essere spinto da un’energia di competizione per attivare un vortice di trasformazione positiva. In grado di emanare carattere, vitalità e capacità che possa richiamare di giorno e di notte una folla costante di persone!

Ci torniamo? sicuramente ci ri-capiteremo ma non è per il momento la nostra meta preferita o consigliata.

E voi ci siete mai capitati? racconta la tua storia nei commenti per condividere con noi livornesi o con chi a Livorno non c’è ancora mai stato.

Ciao ed alla prossima recensione!

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *