Un’inaugurazione da capogiro quella della Coop a Livorno. E tu? Non dirmi che non c’eri.

Se non eri all’inaugurazione della Coop a Porta a Terra a Livorno, vuol dire una sola cosa anzi due: o che sotto sotto non sei un livornese oppure che non ti senti uno di loro. Si inaugura il nuovo format, abbandona l’insegna “iper” per prendere quella di Coop il Mercato di Livorno.

Anche se Livorno il suo mercato ce l’ha e se avete dei dubbi su quale mercato andare, non abbiatene!

Ti stai chiedendo se noi ci siamo andati? Certo che c’eravamo e come possiamo perdercelo un evento così tanto atteso. Non sto scherzando. La città è stata travolta dalla pubblicità, completamente tappezzata dall’immagine di un piccolo pesciolino indifeso, fuori dall’acqua (pertanto immagino, morto) con una scritta sullo sfondo che dice, vengo anch’io.

Tanto a Livorno si sa, la presa per il culo è sempre ben accetta.

La scritta mi ricorda molto vagamente lo slogan di un altro grande supermercato, e quel pesce mi ha messo una tristezza che non potete immaginare.

Comunque sia io alle inaugurazioni delle Coop ci sono sempre andata e mi hanno regalato sempre degli spettacoli pazzeschi. A quella piccola della Rosa un anno hanno completamente allestito tutto il parcheggio fuori da gazebo dove regalavano cibo. La gente non mancava, si sa gratis anche il mal di gola! Un altro anno sempre a quella alla Rosa, tan, mega torta, lunga bo, 4 metri, per festeggiare la sua completa ristrutturazione.

La torta infatti non può mancare, è il pezzo forte che attrae e stupisce, ogni volta come fosse la prima. Ed anche questa volta ci ha lasciato di stucco, sarà stata lunga 5 m ed è stata presa, come potete immaginare, d’assalto.

la torta dal sapore amaro

 

 

 

La gente non ha mangiato da settimane per gustarsi ogni singola forchettata. E non è finita qui, chi ha organizzato il grande evento nemmeno ci ha fatto murare a secco, ci ha pure omaggiato di un bicchiere di bibita o di succo.

Un retroscena grottesco

Ogni boccone di quella torta aveva un sapore amaro, quel sapore che va dritto alla memoria interna e che ti lega inconsciamente a questa struttura per sempre. Nei giorni di pioggia, i pomeriggi dei saldi, nei momenti di svago o di compere, dopo aver mangiato quella torta, una forza che non capirai bene da dove parta ti spingerà verso Porta a Terra. Perché quando poi una volta a casa  passati dei giorni, torni ad aver bisogno di qualcosa da mangiare, dove vai a fare la spesa secondo te? Da chi non ti ha mai offerto un accidente o da chi si prende premura di te facendoti gustare un buon pezzo di torta, gratis? Risposta esatta. Saremo legati per l’eternità!

Noi come insetti all’improvviso

Sembravamo insetti impazziti tutti alla ricerca delle novità, tutti pronti a fare foto, a commentare, criticare e a riempire il carrello. Animali che annusano la libertà in una fattoria.

come insetti impazziti

La cosa più bella: l’Ape azzurra dove vendono ll pesce fresco, nel reparto pescheria.

La cosa più brutta: l’acquario con le aragoste vive dentro. E’ una cosa passata, obsoleta, archiviata, orrenda. Ma poi mi soffermo a pensare, cosa potevo aspettarmi da chi per attirare le persone all’apertura ha messo in primo piano un pesciolino morto?

Camminiamo e ci perdiamo, tra il numero tendente a infinito dei prodotti in vendita. Mi domando perché la gente faccia la spesa in questa confusione, e sopratutto come faccia. Quando Maik mi ha chiesto se avessi bisogno di comprare qualcosa ho sorriso, nemmeno se avessi bisogno di un bene primario lo comprerei adesso! Il caos totale regna e noi passeggiamo indisturbati. Uscita senza acquisti e proseguiamo.

Camminiamo nella galleria e non posso credere ai miei occhi. Metà di quella che era la vecchia IperCoop è ora completamente abbandonata è come se fosse stato dato l’allarme e tutti fossero fuggiti via all’improvviso lasciando tutto così.

La merce ancora sugli scaffali e in bella vista, e le casse in disordine e funzionanti. Dentro non c’è nessuno. Rimango di nuovo di stucco. Due volte in un solo giorno, e solo qui dentro.  Perché alla Coop si può.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *